Corte di Cassazione: appropriazione indebita, i file informatici vanno qualificati come “cosa mobile”

La Corte di CassazioneSezione II, con la sentenza n. 11959 del 10 aprile 2020, si è pronunciata in materia di appropriazione indebita, con specifico riferimento alla qualificazione giuridica dei file informatici .

Leggere di più

Corte di Cassazione, rifiuto di atti d’ufficio, possibile la qualificazione come reato continuato

La Corte di Cassazione, Sezione VI, con la sentenza n. 1657 del 16 gennaio 2020, si è pronunciata in materia di reato di rifiuto di atti d'ufficio ex art. 328 I comma c.p., nell'ipotesi di plurime formali sollecitazioni ad agire rivolte al pubblico ufficiale rimaste senza esito.

Leggere di più

Corte di Cassazione: sequestro probatorio, necessaria la specifica motivazione della finalità perseguita

La Corte di Cassazione, Sezione VI, con la sentenza n. 10368 del 18 marzo 2020, si è pronunciata in tema di sequestro probatorio, con specifico riferimento all'obbligo di motivazione che sussiste in capo al Pubblico Ministero.Leggere di più

Corte di Cassazione: giudizio di appello, in caso di condanna per un “fatto diverso” da quello contestato gli atti vanno trasmessi al pubblico ministero

La Corte di Cassazione, Sezione II, con la sentenza n° 7242 del 2 agosto 2020, si è pronunciata in tema di correlazione tra accusa e sentenza  in caso di condanna per un fatto diverso da quello contestato.

Leggere di più

Corte di Cassazione: registrazione di una conversazione, inutilizzabile se è ignoto l’autore della registrazione

La Corte di Cassazione, Sezione VI, con la sentenza n° 5782 del 13 febbraio 2020, si è pronunciata in tema di utilizzabilità della registrazione di una conversazione tra soggetti presenti, nell’ipotesi in cui rimanga ignoto l’autore della registrazione stessa.

Leggere di più

Corte di Cassazione: D.Lgs. 231/2001, in tema di sequestro preventivo trova applicazione il principio solidaristico tra autore del reato e persona giuridica

La Corte di Cassazione, Sezione VI, con la sentenza n° 1676 del 16 gennaio 2020, si è pronunciata in materia di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del profitto di reato, in caso di responsabilità amministrativa degli enti ex D.Lgs. 231/2001.

Leggere di più

Corte di Cassazione: reati tributari, la confisca per equivalente può essere disposta soltanto in caso di condanna

La Corte di Cassazione, Sezione III, con la sentenza n° 3458 del 28 gennaio 2020, si è pronunciata in materia di confisca per equivalente prevista dall’art. 12 bis D.Lgs. 74/2000 per i reati tributari.

Leggere di più

Corte di Cassazione: D.Lgs. 231/2001, le nozioni di interesse e vantaggio della società nell’ipotesi di imputazione per reati ambientali

La Corte di Cassazione, Sezione III, con la sentenza n° 3157 del 27 gennaio 2020, si è pronunciata in materia di responsabilità amministrativa degli enti ex D.Lgs. 231/2001, precisando le nozioni di interesse e vantaggio della società in caso di imputazione per reati ambientali.

Leggere di più

Corte di Cassazione: bancarotta fraudolenta, imputabilità dell’amministratore di fatto

La Corte di Cassazione, Sezione V, con la sentenza n° 2714 del 23 gennaio 2020, si è pronunciata in materia di attribuzione soggettiva del reato di bancarotta fraudolenta, con specifico riferimento all’attribuzione all’imputato della qualifica di amministratore di fatto.

Leggere di più

Corte di Cassazione: reati, il sopravvenuto regime di procedibilità a querela non determina la revoca della sentenza di condanna

La Corte di Cassazione, Sezione I, con la sentenza n° 1628 del 16 gennaio 2020, si è pronunciata in materia di procedibilità dei reati, con riferimento agli effetti che la sopravvenuta modifica del regime di procedibilità ha su una sentenza di condanna divenuta irrevocabile.

Leggere di più